Indeciso tra LinkedIn Free e Premium?
Scopri la versione che più si adatta alle tue esigenze.

A cosa serve, quanto costa, le differenze con la versione free

LinkedIn è tra i social più popolari, nonché tra i più apprezzati per la facilità con cui è possibile creare occasioni lavorative importanti. Nonostante questa piattaforma costituisca una rete sociale online, il suo obiettivo è ben diverso da quello di Facebook, Instagram, Twitter o TikTok, per esempio. LinkedIn non si pone il proposito di farvi riallacciare i rapporti con parenti lontani, tantomeno di ritrovare vecchi amici d’infanzia. No, LinkedIn ha il chiaro scopo di connettere tra loro tutti i professionisti del mondo e di creare nuove opportunità lavorative.
Essendo LinkedIn un social di settore, appunto, diventa appetibile perlopiù per imprenditori, professionisti ed aziende, tanto da essere definito il social network “professional” per eccellenza.

È importante sottolineare, però, che LinkedIn non è solo un luogo ove caricare il proprio cv, sottoporre la propria candidatura, ne tantomeno una sorta di bacheca per gli annunci di lavoro. Se pensate questo, vi sbagliate di grosso! Si tratta di un potentissimo strumento digitale che serve per creare nuove opportunità professionali che possono anche contribuire al il passaggio da lavoratore dipendente a libero professionista, alla continua ricerca di nuove ed interessanti occasioni.

Oggi possiamo scegliere tra un LikedIn Basic (free) ed un LinkedIn Premium (a pagamento), e le differenze, quelle notevoli, si pagano. Tuttavia, nonostante il costo del servizio non sia dei più economici, è bene sapere che è possibile usufruire della versione Premium gratuitamente per un intero mese, testando uno dei 4 piani che più ci interessa. Al termine del periodo di prova, se non si desidera usufruire del servizio ed iniziare a pagare è necessario disattivare l’abbonamento.

I vantaggi di LinkedIn Premium.

LinkedIn Premium, come vedremo, non è sicuramente un servizio a basso prezzo, ma i vantaggi di cui gode sono molteplici e per nulla scontati. A disposizione di chi sceglie di acquistare questa estensione, sarà possibile

  • Affinare la ricerca dei profili di nostro interesse:
    • inserendo molteplici filtri, quali località del profilo cercato, età e molto altro;
    • visualizzando un maggior numero di profili nella pagina dei risultati;
    • salvando ricerche e ricevendo avvisi nel momento in cui compariranno su LinkedIn profili simili a quelli salvati in precedenza.
  • Inviare messaggi InMail anche agli utenti a cui non siamo collegati: un beneficio da non sottovalutare, questo, in quanto, se sfruttato consapevolmente permette di creare nuove occasioni professionali. , In caso di mancato riscontro entro 7 giorni, LinkedIn riaccredita l’InMail.
  • Accedere alle informazioni degli utenti che non fanno parte della nostra rete (sino al 3° grado) ed inviare loro una richiesta di collegamento.
  • Scoprire chi sono gli utenti che visitano il nostro profilo.

I 4 piani di LinkedIn Premium: quale scegliere

Come accennato, esistono 4 diverse tipologie di LinkedIn Premium. Il piano LinkedIn Premium Career, permette di sfruttare alcuni vantaggi che possono favorire l’assunzione, quali:

  • contattare direttamente la persona che offre il lavoro;
  • distinguersi nel momento in cui ci si candida;
  • far crescere il proprio business;
  • conoscere i dettagli di chi visita il nostro profilo negli ultimi 90 giorni.

LinkedIn Premium Business – secondo piano – offre la grande opportunità di far crescere il proprio business e brand ricevendo informazioni circa il trend di crescita e di:

  • acquisire nuove competenze sulla LinkedIn Learning;
  • inviare fino a 15 InMail fino al III livello;
  • visualizzare i contatti che hanno visitato il nostro profilo.

Il terzo piano è LinkedIn Sales Navigator Professional e tratta le principali novità in ambito vendite, come per esempio:

  • ottenere informazioni su account e lead;
  • inviare fino a 20 InMail;
  • visualizzare gli utenti che visitano il nostro profilo.

Il quarto ed ultimo piano è LinkedIn Recruiter Lite e le sue caratteristiche riguardano perlopiù:

  • ricerche avanzate e suggerimenti dinamici;
  • 30 InMail disponibili;
  • gestire i candidati con tracking automatico;
  • rimangono invariate le opzioni circa gli utenti che visitano il nostro profilo.

Quanto costa LinkedIn Premium: ad ogni piano il suo prezzo.

LinkedIn Premium, come abbiamo affermato in precedenza, ha quattro versioni differenti e ad ognuna corrisponde la possibilità di attivare un abbonamento mensile o annuale.

Qui i costi delle quattro versioni LinkedIn Premium:

  • Job Seeker: ideale per coloro che cercano lavoro (prezzo 21,99 euro al mese + iva);
  • Business: ideale chi vuole rafforzare il proprio brand e sfruttare la sua rete (prezzo 44,99 euro al mese + iva)
  • Sales Navigator: utile ai professionisti in cerca di clienti e nuovi contatti (prezzo 59,99 euro al mese + iva);
  • Recruiter Lite: ideale per chi ha bisogno di assumere personale e cerca abitualmente (prezzo 89,95 euro al mese + iva);

Insieme alle quattro versioni, citiamo i tre diversi livelli di abbonamento:

  • Business al costo mensile di € 14,95;
  • Business plus al costo mensile di € 29,95;
  • Executive al costo mensile di € 53,95

Concludendo, possiamo affermare che le quattro versioni di LinkedIn presentano una serie di vantaggi tangibili a seconda delle esigenze. Potrete scegliere la versione più adatta a voi a seconda del vostro obiettivo, testandola gratuitamente per 1 mese, ed iniziare la vostra crescita professionale, garantendovi nuove opportunità di business.